• Nicole

Efficacia di combinazione di PEA e acetilcarnitina delle neuropatie secondarie a malattie reumatiche

Efficacia di una combinazione fissa di palmitoiletanolamide e acetil-l-carnitina (PEA+ALC FC) nel trattamento delle neuropatie secondarie a malattie reumatiche


BACKGROUND:

Le complicanze neurologiche delle malattie reumatiche (RD) sono molto variabili e le loro manifestazioni sono legate alla patogenesi e al fenotipo clinico delle specifiche RD. Nell'artrite reumatoide, ad esempio, il sistema nervoso periferico è più comunemente coinvolto e non sono rari la mononeurite multipla, l'intrappolamento di nervi e le neuropatie sensomotorie vasculitiche. Spesso la terapia per questi disturbi non è agevole ed è caratterizzata dall'utilizzo di diversi farmaci. La palmitoiletanolamide (PEA) è stata testata in un'ampia varietà di modelli animali ed è stata valutata in diversi studi clinici per le sindromi da compressione nervosa, dimostrando che la PEA agisce come un composto analgesico efficace e sicuro. Anche l'acetil-L-carnitina (ALC) ha dimostrato di essere un trattamento efficace e sicuro nella neuropatia periferica dolorosa. Negli ultimi anni è stato dimostrato l'effetto sinergico tra PEA e ALC. Lo scopo del nostro studio era di valutare l'efficacia dell'integrazione della terapia standard (STh) con Kalanit® (Chiesi Italia Spa; Parma, Italia) in pazienti con neuropatia periferica secondaria a RD.


METODI:

I pazienti al momento dell'arruolamento erano affetti da RD con neuropatia da <12 mesi, documentata dall'elettromiografia. I pazienti analizzati sono stati trattati con STh scelti in base alla loro malattia reumatica (RA o SpA) e per la loro neuropatia (es. analgesico, FANS, pregabalin o gabapentin) come da pratica clinica. Il campione è stato suddiviso in 2 gruppi: gruppo 1, pazienti trattati con STh, a cui è stata aggiunta una combinazione fissa di PEA (600 mg) + ALC (500 mg) (Kalanit®) due volte al giorno per 2 settimane e poi una volta al giorno per 6 mesi; gruppo 2, pazienti trattati solo con STh. Ogni paziente è stato sottoposto a valutazioni cliniche e sono stati somministrati questionari per valutare la propria neuropatia e l'efficacia della terapia.


RISULTATI:

Nel gruppo 1, sono stati inclusi 18 pazienti affetti da dolore sciatico, 16 pazienti con sindrome del tunnel carpale e 8 pazienti con neuropatia periferica degli arti inferiori e PEA + ALC FC è stato aggiunto a STh. Questi pazienti sono stati confrontati con pazienti del gruppo 2, che avevano la stessa patologia e caratteristiche demografiche: 20 pazienti con dolore sciatico, 15 con sindrome del tunnel carpale e 5 con neuropatia periferica degli arti inferiori, rispettivamente; questo gruppo è stato trattato solo con STh. I pazienti trattati con PEA + ALC FC hanno avuto un significativo miglioramento della VAS del dolore rispetto ai pazienti trattati con il gruppo 2 in tutte le patologie analizzate (valore P: dolore sciatico 0,032, sindrome del tunnel carpale 0,025 e neuropatia degli arti inferiori 0,041). I pazienti del gruppo 1 hanno mostrato un miglioramento significativo rispetto ai pazienti trattati nel gruppo 2 anche da un punteggio specifico. Nello specifico, LBP-IQ ha mostrato un miglioramento significativo nel gruppo uno (valore P: 0,031), così come CHFD (P=0,011) e NPQ (P=0,025).


CONCLUSIONI:

L'effetto sinergico di PEA e ALC sembra avere un ulteriore vantaggio nel trattamento di questo tipo di patologia, compreso l'effetto antinfiammatorio ma anche in termini di ottimizzazione della terapia e quindi di migliore aderenza ai trattamenti. Il nostro studio dimostra che è importante identificare il tipo di dolore per seguire un accurato algoritmo diagnostico, considerando le caratteristiche cliniche del paziente e valutare attentamente l'indicazione, preferendo un approccio multimodale.

236 visualizzazioni2 commenti

Post recenti

Mostra tutti