• Nicole

Hericium- Sostanze Neurotrofiche

L' Hericium Erinaceus è un fungo medicinale che viene apprezzato nella cucina tradizionale cinese e giapponese.

E' un abitante saprofita su tronchi morti di latifoglie, tra cui quercia, noce, faggio, acero, acero, olmo e altre latifoglie.

Si trova più frequentemente su tronchi o ceppi ed è uno dei funghi distruttori del legno che causano il marciume bianco.

E' uno dei funghi commestibili e medicinali distribuiti in Asia, Europa e Nord America.

E' un fungo temperato che richiede temperature fresche da 18°C a 24°C per produrre corpi fruttiferi.

Le proprietà nutrizionali e medicinali coltivato in condizioni di bassa temperatura sono ben note e documentate.

Il primo rapporto sulla sua coltivazione è stato pubblicato in Cina nel 1988.

È stato coltivato da tronchi artificiali ,che consentono di immettere costantemente questo fungo sul mercato tutto l'anno.

E' noto da centinaia di anni: I nativi del Nord America lo usavano come cicatrizzante per i tagli e per fermare il sanguinamento.

In Cina, si chiama Houtou, poiché i suoi corpi fruttiferi sembrano la testa di un cucciolo di scimmia e Shishigashira (Testa di leone). È uno dei quattro piatti famosi in Cina.

In Giappone è chiamato Yamabushitake perché ricorda il panno ornamentale indossato dagli Yamabushi, monaci buddisti che praticavano l'ascetismo in montagna.

È anche chiamato Jokotake (a forma di imbuto), Usagitake (a forma di coniglio) e Harisenbontake (a forma di pesce istrice) a seconda del suo aspetto.

Scienziati giapponesi ne hanno studiato e confermato le attività biologiche come fungo medicinale molto apprezzato.

I benefici per la salute come curativo per problemi del tratto digestivo come ulcere gastriche e duodenali sono ampiamente noti tra i medici cinesi. L'efficacia delle compresse nel trattamento di ulcere, infiammazioni e tumori del canale alimentare è stata dimostrata nei soggetti della sperimentazione clinica dello Shanghai Third People's Hospital.

Possiede Proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e prebiotiche:riequilibra la flora batterica intestinale nutrendola, sfiamma le mucose cicatrizzandole e correggendo dunque le situazioni di permeabilità intestinale (Morbo di Chron, rettocolite ulcerosa, malattie da malassorbimento, Helicobacter Pylori). Aiuta a contrastare gonfiore,digestione difficile, gastrite ,Ernia Iatale e Gastroduodenale.

È stato riportato che l'ingestione di questo fungo ha un effetto notevole nell'allungare la vita dei malati di cancro.

Le pillole sono state utilizzate nel trattamento del carcinoma gastrico ed esofageo. Inoltre, i biscotti sandwich integrati con i corpi fruttiferi sono stati utilizzati nella prevenzione e nel trattamento dell'anemia nutrizionale dei bambini in età prescolare.

E' stato scoperto che l'hericenone B ha una forte attività antipiastrinica e potrebbe essere un nuovo composto per la terapia antitrombotica . È stato dimostrato che l'ericenone B inibisce specificamente l'aggregazione piastrinica indotta dal collagene .

Quindici polisaccaridi sono stati isolati da estratti di acqua calda dei suoi corpi fruttiferi.

Cinque di loro hanno mostrato attività antitumorale e hanno prolungato la longevità dei pazienti.

Un estratto etanolico ha promosso un effetto antimutageno,ipoglicemizzante e riduce i tassi di aumento dei trigliceridi sierici e dei livelli di colesterolo totale.

Potrebbe aiutare a ridurre il rischio di aterosclerosi.

E' diventato un candidato consolidato nel promuovere attività positive relative alla salute del cervello e dei nervi inducendo il fattore di crescita nervoso dal suo ingrediente bioattivo.

Le prove finora hanno dimostrato che il micelio di Erinaceus arricchito con i suoi composti attivi è in grado di ritardare la morte delle cellule neuronali con malattie neurodegenerative, come l'ictus ischemico, il morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer e la depressione. Inoltre, i risultati hanno indicato che la somministrazione del micelio di erinaceus arricchito con i suoi composti attivi può promuovere il recupero funzionale e migliorare la rigenerazione dei nervi con dolore neuropatico o presbiacusia.

la maggior parte dei dati suggerisce fortemente che è sicuro e offre applicazioni neuroprotettive tanto necessarie.

I problemi dei nervi periferici sono comuni e comprendono un ampio spettro di lesioni traumatiche, malattie, tumori e lesioni iatrogene. È noto che dopo l'iniziale lesione, i radicali liberi dell'ossigeno aumentano e causano ulteriori danni ai tessuti.

Recentemente, molta attenzione è stata data agli effetti neurotrofici dei funghi medicinali e alla stimolazione del fattore di crescita nervoso (NGF): una piccola proteina coinvolta nello sviluppo del sistema nervoso nei vertebrati .

I funghi medicinali promuovono la rigenerazione dei nervi periferici dopo la lesione attraverso l'aumento della produzione di NGF. Hanno un'azione rigenerativa sui tessuti danneggiati nei disturbi dei nervi periferici.

Due articoli sono stati pubblicati sull'International Journal of Medicinal Mushrooms e uno è stato pubblicato su Evidence-based Complementary and Alternative Medicine. Questi articoli hanno evidenziato la capacità di questo fungo di stimolare la crescita dei neuriti e promuovere la rigenerazione dopo la lesione del nervo periferico. L'estratto di acqua calda dei corpi di frutta secca viene utilizzato come bevanda salutare. Era consuetudine estrarre il fungo con l'acqua o metterlo in salamoia nel vino preparato. Una bevanda sportiva chiamata Houtou è stata impiegata nell'11° Asia Sport Festival (1990) in Cina.

La rigenerazione dei nervi è un fenomeno complesso che ha riscosso un crescente interesse tra gli scienziati per molti anni. I neuroni possono essere separati in sistema nervoso centrale (SNC) e sistema nervoso periferico (SNP), che hanno diverse strutture anatomiche e capacità rigenerative. Nei mammiferi, i neuroni centrali privi di guaina mielinica sono difficili da rigenerare. A differenza del SNC, il SNP con guaine mieliniche è in grado di rigenerarsi in seguito a lesioni.

La caratterizzazione della formazione, della maturazione e del collasso/riassorbimento dei neuriti è un'area di interesse perché questi processi cellulari sono essenziali per la connessione tra neuroni sensoriali e motori. I neuriti sono particolarmente interessanti in relazione ai disturbi neuropatologici, al danno/rigenerazione neuronale e alla ricerca e allo screening neurofarmacologico.

Un tempo si riteneva che il danno dovuto alla recisione del nervo fosse irreversibile. Tuttavia, è stato dimostrato che la rigenerazione delle fibre nervose danneggiate è un processo attivo sotto il controllo di molecole in grado di inibire e respingere i neuriti in crescita.

Pertanto, i maggiori sforzi nella ricerca sulla scoperta di farmaci sul sistema nervoso sono concentrati sull'identificazione di composti che influenzano la crescita dei neuriti. Le lesioni dei nervi periferici si verificano nella pratica clinica a causa di traumi accidentali, compressioni acute o interventi chirurgici.


Molto interesse è stato focalizzato sul potenziale dell'utilizzo di funghi medicinali come agenti neuroprotettivi. I composti che stimolano la crescita dei neuriti e agiscono come sostituti dell'NGF o mostrano attività simili all'NGF che causano la ricrescita dei neuroni e della mielina sono stati ampiamente studiati.


Kawagishi et al.9 hanno riportato che l'attività più promettente dell' Herinaceus è la stimolazione della sintesi di NGF da parte degli hericenoni dei corpi fruttiferi e delle erinacine del micelio.

Questi composti hanno accelerato la sintesi di NGF e si osserva che stimolano la ricrescita dei neuroni.

Shimbo et al.80 hanno mostrato che l'erinacina aumenta il contenuto di catecolamine e NGF nel sistea nervoso centrale.

È stato riportato che l'NGF ha un effetto protettivo o inducibile sulla morte delle cellule neuronali .

Fornisce neuroprotezione contro l'ischemia cerebrale focale aumentando i livelli di NGF e può essere clinicamente utile per prevenire l'infarto cerebrale.

È stato condotto uno studio in doppio cieco su uomini e donne giapponesi di età compresa tra 50 e 80 anni con diagnosi di lieve deterioramento cognitivo al fine di esaminare l'efficacia della somministrazione orale dell' Herinaceus nel migliorare il funzionamento cognitivo utilizzando una scala della funzione cognitiva.

I soggetti del gruppo erinaceus hanno assunto quattro compresse da 250 mg contenenti il 96% di polvere secca tre volte al giorno per 16 settimane. I punteggi della scala della funzione cognitiva sono aumentati con la durata dell'assunzione. I test di laboratorio non hanno mostrato alcun effetto avverso dell' herinaceus ed è stato efficace nel migliorare il deterioramento cognitivo lieve.

Nagano et al. Ne hanno studiato gli effetti clinici su menopausa, depressione e qualità del sonno, attraverso un questionario di indagine.

I loro risultati hanno mostrato che l'assunzione può ridurre la depressione e l'ansia.


Previene le compromissioni della memoria spaziale a breve termine e del riconoscimento visivo indotte dalla somministrazione intracerebroventricolare del peptide amiloide e può essere utile nella prevenzione della disfunzione cognitiva.

L'estratto ha anche promosso il normale sviluppo delle cellule cerebellari coltivate e ha dimostrato un effetto regolatore sul processo di genesi della mielina in vitro dopo il danno della mielina. La guaina mielinica è un componente importante dei neuroni che è coinvolto nella trasmissione dei messaggi nervosi. La lesione della struttura compatta della mielina porta a una compromissione e a una grave malattia del sistema nervoso.


Lo Staff di NPF e POTS Italia


Studi scientifici sull'Hericium:

  • Ramazan Üstün & Peray Ayhan (2018): Regenerative activity of Hericium erinaceus on axonal injury model using in vitro laser microdissection technique, Neurological Research, DOI: 10.1080/01616412.2018.1556494

  • A Mechanistic Review on Medicinal Mushrooms-Derived Bioactive Compounds: Potential Mycotherapy Candidates for Alleviating Neurological Disorders DOI: 10.1055/a-1177-4834

  • Effects of Hericium erinaceus Mycelium Extracts on the Functional Activity of Purinoceptors and Neuropathic Pain in Mice with L5 Spinal Nerve Ligation

  • Hindawi Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine Volume 2020, Article ID 2890194, 12 pages https://doi.org/10.1155/2020/2890194

  • Neuroprotective effects of Hericium erinaceus (Bull.: Fr.) Pers. against high-dose corticosterone-induced oxidative stress in PC-12 cells Lew et al. BMC Complementary Medicine and Therapies (2020) 20:340 https://doi.org/10.1186/s12906-020-03132-x

  • Improvement of cognitive functions by oral intake of Hericium erinaceusBiomedical Research (Tokyo) 40 (4) 125–131, 2019

  • Therapeutic Potential of Hericium erinaceus for Depressive DisorderInt. J. Mol. Sci. 2020, 21, 163; DOI:10.3390/ijms21010163

  • Neurohealth Properties of Hericium erinaceus Mycelia Enriched with Erinacines Hindawi Behavioural Neurology Volume 2018, Article ID 5802634, 10 pages https://doi.org/10.1155/2018/5802634

  • Antitumor, Anti-Inflammatory and Antiallergic Effects of Agaricus blazei Mushroom Extract and the Related Medicinal Basidiomycetes Mushrooms, Hericium erinaceus and Grifola frondosa: A Review of Preclinical and Clinical Studies Nutrients 2020, 12, 1339; doi:10.3390/nu12051339

  • Neurotrophic Properties of the Lion’s Mane Medicinal Mushroom, Hericium erinaceus (Higher Basidiomycetes) from Malaysia International Journal of Medicinal Mushrooms, 15(6): 539–554 (2013)

  • Neurotrophic isoindolinones from the fruiting bodies of Hericium erinaceus https://doi.org/10.1016/j.bmcl.2020.127714











185 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti