• Nicole

Ehlers-Danlos e ormoni

Articolo originale in inglese "Hormones and hypermobility" di: www.hypermobility.org


Quali ormoni sono coinvolti?

Un ormone è talvolta descritto come un "messaggero chimico" che viene secreto da una ghiandola, circola attraverso il flusso sanguigno e, infine, raggiunge l'organo a cui è diretto dove esercita il suo effetto. Sebbene esistano molti tipi di ormoni, tutti di diverse strutture, due gruppi principali sono rilevanti per l'ipermobilità.


​In primo luogo ci sono i corticosteroidi, che comprendono tre famiglie:


I mineralcorticoidi, che alterano minerali e fluidi all'interno del corpo e probabilmente non hanno alcuna influenza sull'ipermobilità.


Quelli a volte indicati come steroidi metabolici (ad esempio cortisolo), che sono secreti dalla ghiandola surrenale e controllano la variazione diurna (o di 24 ore) nella funzione corporea, che consente agli organi di riposare durante il sonno ma li "tonifica" durante il giorno.


Gli ormoni sessuali, che si dividono in tre tipi, androgeni (principalmente nei maschi) ed estrogeni e progestinici (soprattutto nelle femmine). L'equilibrio tra estrogeni e progestinici, in continua evoluzione, controlla il ciclo mestruale di 28 giorni nella donna in cui questi ormoni sono quasi assenti prima della pubertà e diminuiscono dopo la menopausa. Gli ormoni sessuali predominanti nei maschi sono gli androgeni e in particolare il testosterone.


Un ulteriore gruppo di ormoni rilevanti per l'ipermobilità ha una funzione specifica in gravidanza – la Relaxina- rilassa i legamenti appena prima del parto in modo che il bacino possa aprirsi ampiamente per consentire il passaggio sicuro della testa del feto. Tuttavia, sebbene si osservi che la lassità articolare può aumentare in gravidanza, gli studi non hanno dimostrato una chiara relazione tra il livello di relaxina e il grado di lassità. Devono essere coinvolti altri fattori. Durante la gravidanza, estrogeni e progestinici salgono di concentrazione; questo potrebbe anche spiegare l'allentamento delle articolazioni in gravidanza. Questo normalmente si risolve subito dopo il parto, ma può essere prolungato se la madre sta allattando.



Che effetto possono avere gli ormoni sull'ipermobilità?

Sia nei maschi che nelle femmine i cambiamenti di 24 ore negli steroidi metabolici possono produrre sintomi ciclici di dolore e rigidità nelle articolazioni per un periodo di 24 ore, ma questo è normalmente solo un problema minore.


​Nella maggior parte degli uomini, gli ormoni androgeni predominanti hanno probabilmente un effetto molto limitato sul collagene, sebbene possano aumentare la massa muscolare intorno alle articolazioni. In generale è probabile che questo sia utile, l'aumento della potenza muscolare supera di gran lunga qualsiasi effetto sulla struttura del collagene.


​Nella maggior parte delle donne, è una storia completamente diversa. Sebbene gli estrogeni tendano a stabilizzare il collagene, i progestinici lo allentano. Molti pazienti ipermobili, anche se non tutti, hanno notato un peggioramento dei sintomi, più dolore alle articolazioni, goffaggine o una maggiore tendenza alla lussazione nei cinque giorni precedenti le mestruazioni e nei pochi giorni dopo le mestruazioni. Questo è esattamente il momento in cui i composti del progesterone superano di gran lunga i composti stabilizzanti degli estrogeni. Questo effetto è più pronunciato quando l'ipermobilità articolare è dovuta principalmente alla struttura del collagene (l'indizio qui è che tutte le articolazioni sono quasi ugualmente rilassate in tutto il corpo). Laddove l'ipermobilità è un marker di superfici ossee di forma insolita all'articolazione (tipicamente questi individui hanno un'ipermobilità molto pronunciata solo in un piccolo numero di articolazioni), l'effetto degli ormoni è molto meno pronunciato.


​Coloro le cui articolazioni peggiorano al momento delle mestruazioni spesso notano che se i periodi diventano irregolari, per qualsiasi motivo, le articolazioni non solo peggiorano, ma peggiorano più a lungo. Ciò può essere dovuto al fatto che in questi pazienti il ​​progesterone è presente in alte concentrazioni nei momenti in cui normalmente non sarebbe presente.


A volte l'irregolarità delle mestruazioni suggerisce condizioni ginecologiche come una cisti sull'ovaio o una condizione chiamata endometriosi, che richiede una valutazione da parte di un ginecologo.



Problemi con i contraccettivi

È disponibile una varietà di contraccettivi ormonali. Molti sono contraccettivi "combinati", una miscela di estrogeni o un progestinico somministrati contemporaneamente oppure contengono questi due farmaci in sequenza, il progestinico dopo l'estrogeno per imitare il tipico ciclo mestruale. Altri contengono interamente progestinico. I contraccettivi iniettabili sono interamente progesterone e recentemente sono diventati popolari dispositivi intrauterini impregnati di un serbatoio di progesterone (la cosiddetta "spirale").


Quando si prendono insieme un'accurata anamnesi ginecologica e reumatologica, è sorprendente come frequentemente l'ipermobilità, che era solo leggermente peggiorata al momento delle normali mestruazioni non modificate, peggiori significativamente con alcune pillole contraccettive, specialmente quelle contenenti solo progesterone o con progesterone depo (intramuscolare iniezione) preparati contraccettivi o con dispositivi meccanici impregnati di progesterone.


Se hai articolazioni ipermobili e hai assunto ormoni per modificare le mestruazioni o come contraccettivi, dovresti discuterne ulteriormente con il tuo medico; saranno esperti in altri effetti collaterali derivanti dagli ormoni, ma non necessariamente con l'effetto che questi hanno sui legamenti.


Gli estrogeni, come i progestinici, hanno i loro effetti collaterali, uno dei principali è una leggera tendenza a causare trombosi venosa (coaguli di sangue), una caratteristica molto meno frequente con i progestinici. Pertanto una preparazione a base di solo progestinico potrebbe essere stata prescritta per ragioni buone e ben intenzionate, anche se lo svantaggio è che avrà peggiorato le articolazioni.


In generale, tuttavia, i pazienti con ipermobilità sono più sicuri evitando i dispositivi iniettabili di progesterone e imbevuti di progesterone. Potrebbero anche essere meglio evitare le pillole contraccettive che contengono solo derivati ​​del progesterone. Se un tale preparato fosse introdotto deliberatamente in un paziente per il quale alti livelli di estrogeni sarebbero pericolosi, potrebbe valere la pena provare un contraccettivo progesterone diverso.


I progestinici più recenti (come il Desogestrel) sono derivati ​​del nor-ethisterone, che è più strettamente correlato al testosterone rispetto ai primi analoghi del progesterone come il didrogesterone e il medrossiprogesterone.


Sembra che ci siano variazioni individuali nella risposta all'interno di questo gruppo, quindi potrebbe valere la pena provare uno o due di questi ormoni a turno.


Il contenuto ormonale di tutti i contraccettivi è chiaramente elencato nel British National Formulary, consentendo ai medici generici una scelta ampia e informata.


Se ci sono un aumento dei sintomi articolari associati alle irregolarità mestruali in una paziente che non assume una pillola contraccettiva, potrebbe anche valere la pena provare in primo luogo un preparato a base di soli estrogeni per un periodo di prova per vedere se questo migliora le cose: se lo fa, il la scelta se valga la pena correre un rischio minimo nell'uso di tale preparato per il significativo miglioramento delle articolazioni potrebbe in definitiva essere una decisione per il paziente sebbene dovrebbe essere presa in collaborazione con il medico di base, se necessario con un consiglio ginecologico esperto.



Terapia ormonale sostitutiva

Argomenti simili a quelli di cui sopra per la contraccezione si applicano alla terapia ormonale sostitutiva. Questo normalmente comporta una piccola quantità di estrogeni a cui viene aggiunto un progestinico dove l'utero è intatto. Poiché la quantità di estrogeni è molto piccola (deliberatamente in considerazione del leggero aumento del rischio di cancro al seno quando gli estrogeni vengono somministrati agli anziani e del rischio di trombosi), la quantità di estrogeni spesso non è sufficiente per fornire un effetto protettivo per le articolazioni.

150 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti