• Nicole

traduzione del video con Brianne Dressen.Effetti neurologici sottostimati vaccini covid. NPF

Ringraziamo di cuore Elena che ha effettuato la traduzione per noi di NPF e POTS Italia.


Di seguito la traduzione del video con la TESTIMONIANZA DI BRIANNE DRESSEN alla conferenza organizzata dal senatore Johnson, USA, con il link del video in lingua originale.


Effetti neurologici sottostimati e ricerche non pubblicate riguardanti i vaccini contro il Covid.

Molte delle persone di cui parla Brianne hanno diagnosi di Neuropatia dele piccole fibre. NPF.


"Il mio nome è Brianne Dressen e la maggior parte di voi non ha mai sentito parlare di me e molto probabilmente non ha mai sentito parlare della maggior parte di noi qui. Siamo semplici americani, repubblicani o democratici, liberali o indipendentisti; per noi questa non è una questione politica, questo è un problema umano. Vi racconteremo storie in gran parte ignorate e messe a tacere e speriamo che ascoltiate e poniate domande.


Sono una moglie e una mamma e un'insegnante di scuola materna e ho subito una reazione che mi ha cambiato la vita al vaccino contro il covid, il 4 novembre 2020, quasi un anno fa. Ho sofferto di un processo a cascata che ha riguardato il sistema neurologico e che è durato per mesi, la mia vita è migliorata ma mi sento ancora come se ricevessi scosse elettriche 24 ore su 24, 7 giorni su 7.


Per i primi mesi ero totalmente sola, ho tenuto i miei sintomi, la mia storia, completamente per me. Ho pensato che questo fosse un incidente isolato. Ma in primavera ho iniziato a trovare sempre più persone come me e prima che ce ne rendessimo conto siamo diventati migliaia, tutti incapaci di ricevere il riconoscimento delle cure mediche sia dalle aziende farmaceutiche che dal CDC e dalla FDA. Abbiamo tutti sofferto la stessa costellazione di sintomi, il che è molto strano: è una malattia nuova di zecca, nessuno ne sapeva nulla, ci è capitato con tutte le marche (di vaccino). Oltre il 70% di noi non aveva precedenti problemi di salute, oltre il 94% di noi non ha avuto alcun problema con nessun vaccino precedente, il 98% di noi ha fatto tutti i vaccini precedenti, la stragrande maggioranza di noi ha fatto i vaccini antinfluenzali: non siamo no vax.


Poiché il CDC e la FDA hanno continuato a ignorare le nostre implorazioni, abbiamo deciso che dovevamo agire perché abbiamo iniziato a vederlo accadere a bambini come Maddie, quindi dai nostri letti di malattia siamo passati all'azione, abbiamo contattato i nostri rappresentanti eletti, sia democratici che repubblicani, abbiamo contattato il Comitato Covid, abbiamo contattato tutti i rappresentanti del Comitato per la Salute e l'Istruzione. Se avete qualche rappresentante eletto nel vostro Stato, li abbiamo contattati.


Siamo stati anche al National Institute of Health. Io stessa sono stata una dei pochi fortunati a poter andare, abbiamo partecipato a studi per tutto il Paese, con accademici molto affermati provenienti da prestigiosi istituti di ricerca: nessuno di loro è riuscito a farsi pubblicare. Rivista specializzata dopo rivista specializzata, rifiuto dopo rifiuto. Allora abbiamo contattato i media ma ci è stato ripetutamente detto che non possiamo far sembrare cattivi i vaccini. Abbiamo contattato le principali organizzazioni sanitarie, come i consigli sanitari dell'AMA e i dipartimenti sanitari statali, e loro hanno insistito con la loro narrazione che se questo fosse realmente accaduto, il CDC e la FDA lo avrebbero detto. Siamo completamente da soli.

Tutto ciò che abbiamo è l'un l'altro. Siamo stati etichettati come no vax, come disinformazione. 24 ore dopo che il senatore Johnson ha ospitato la nostra ultima conferenza, hanno reso inutilizzabili i nostri gruppi di supporto su facebook e ho perso i contatti con delle persone con intenti suicidi.


Così, dopo mesi di isolamento e soppressione aggressiva, abbiamo iniziato a connetterci con altri cittadini compassionevoli e preoccupati, accademici e medici: loro vedono i danni e vedono cosa sta succedendo ai malati nella mancanza di trasparenza e il rischio di vaccinare il mondo. Abbiamo bisogno che il CDC ci riconosca, è un atto molto semplice che cambierebbe tutto per i malati e chi soffre. Abbiamo anche bisogno di cominciare una conversazione che porterebbe a un percorso di guarigione dei malati, per una revisione appropriata e obiettiva della scienza, per stabilire un ambiente per un dialogo aperto, in modo che alla fine saremo in grado di prendere decisioni e politiche razionali e pienamente informate.


Grazie mille per il vostro tempo".


Il video originale: https://media.livecast365.com/highwire/thehighwire/content/1636771866168.mp4

185 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti