• Nicole

Neuropatia delle piccole fibre: genetica, cause e possibili soluzioni

Neuropatia delle piccole fibre: genetica, cause e possibili soluzioni


Articolo Maggio 2022

Nella neuropatia delle piccole fibre, le fibre nervose più piccole si danneggiano e causano dolore bruciante, intorpidimento, sensazioni strane o problemi del sistema nervoso autonomo. La neuropatia delle piccole fibre è un tipo di neuropatia periferica, ma i sintomi possono differire da ciò che normalmente si pensa come neuropatia.


Molte persone con neuropatia delle piccole fibre (SFN in inglese – NPF in italiano) hanno una diagnosi errata o i loro sintomi non vengono considerati. Sta cambiando, tuttavia, poiché i test diventano più comuni e i neurologi la comprendono meglio.


In questo articolo, spiegherò cosa sta succedendo a livello nervoso nella neuropatia delle piccole fibre. La genetica può svolgere un ruolo in chi ha maggiori probabilità di contrarre la neuropatia delle piccole fibre quando innescata da determinati fattori. Concluderò spiegando la ricerca su soluzioni che potrebbero funzionare per persone con diverse varianti genetiche. Come sempre, il mio obiettivo è educarti e informarti in modo che tu possa parlare con il tuo medico delle soluzioni adatte alla tua situazione.

Cos'è la neuropatia delle piccole fibre?

Le cellule nervose hanno fibre lunghe e sottili chiamate assoni che trasportano un segnale da un nervo all'altro.


I nervi sono divisi in categorie di fibre nervose di gruppo A, gruppo B e gruppo C. Le fibre del gruppo A e B sono mielinizzate, il che significa che sono isolate con mielina e trasportano l'impulso elettrico più rapidamente al neurone successivo. Le fibre del gruppo C sono amieliniche e trasportano informazioni che non sono necessarie così rapidamente, come sensazioni calde o fredde.


La neuropatia delle piccole fibre colpisce i neuroni del gruppo C e un tipo specifico di neuroni mielinici del gruppo A chiamati Aδ.


I neuroni di tipo C percepiscono dolore e calore diffusi.

I neuroni Aδ percepiscono pressione, tatto, freddo e segnali di minaccia specifici.

I sintomi della neuropatia delle piccole fibre spesso iniziano con strane sensazioni ai piedi o alle mani. Alcune persone dicono "spilli e aghi"; altri lo confrontano con le formiche che mordono o prurito. Può progredire su gambe e braccia e poi in tutto il corpo. L'attivazione anormale di questi nervi può causare dolore, sensazioni diffuse e prurito.


La neuropatia delle piccole fibre può anche causare l'attivazione anormale delle funzioni del sistema nervoso autonomo come quelle del cuore, del tratto gastrointestinale o della vescica. La stanchezza è comune nella NPF, che si pensa sia dovuta a problemi cardiaci.

Cosa va storto nella NPF?

La neuropatia delle piccole fibre è descritta come un'anomalia strutturale delle piccole fibre nervose insieme alla degenerazione delle terminazioni nervose. Viene diagnosticata da una biopsia cutanea che esamina le fibre nervose più piccole. La biopsia può mostrare meno fibre nervose normali nella pelle, il che indicherebbe un danno ai nervi.


Le fibre C coinvolte nella NPF trasmettono una sensazione di dolore più opaca e diffusa, che è una reazione di conduzione nervosa più lenta. Le fibre C sono anche coinvolte nel dolore da basse temperature (<5oC) e nel riscaldamento della pelle (41oC).

I danni ai neuroni delle fibre C possono causare sensibilità alla temperatura e dolore diffuso.


Il dolore acuto e pungente nella NPF può essere dovuto al coinvolgimento delle fibre Aδ, che rispondono anche al calore. Le fibre Aδ rispondono anche al movimento dei capelli (movimento dei peli della pelle), al raffreddamento della pelle (25oC), al dolore da calore (>45oC) e allo stiramento eccessivo.



Cosa causa il danneggiamento o la degenerazione delle terminazioni nervose?


NPF può essere causata da una varietà di fattori, secondo la ricerca.

Le cause di SFN possono essere classificate come segue:

  • malattie metaboliche (ad esempio, come nel diabete)

  • tossine (ad es. farmaci)

  • immuno-mediate (ad es. malattie autoimmuni, infezione virale)

  • fattori genetici

  • Carenza di vitamina B

Neuropatia delle piccole fibre e sistema nervoso autonomo:

È facile visualizzare come i nervi danneggiati nella pelle dei piedi o delle mani possano causare dolore, bruciore, intorpidimento o formicolio. Tuttavia, il coinvolgimento del sistema nervoso autonomo può essere più difficile da immaginare.


Il sistema nervoso autonomo coinvolge tutti i sistemi corporei a cui non dobbiamo pensare: frequenza cardiaca, digestione, ecc. Possiamo dividere il sistema nervoso autonomo in categorie: il sistema simpatico (risposta allo stress), il sistema parasimpatico (risposta a riposo) , e il sistema nervoso enterico (sistema digerente).

Piccole fibre nervose controllano i seguenti sistemi:

  • variabilità della frequenza cardiaca con respirazione profonda (es. manovra di Valsalva)

  • risposta della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna al cambiamento posturale (ad es. Alzarsi in piedi dopo essersi sdraiati)

  • flusso di urina e sensazione di bisogno di urinare

  • esercizio isometrico

  • sudorazione

  • rughe della pelle nell'acqua

Pertanto, il danno alle piccole fibre nervose può causare interruzione della frequenza cardiaca, pressione sanguigna, irritazione della vescica, mancanza di sudorazione e mancanza di rughe della pelle quando si è in acqua per 30 minuti.

Come si attivano i nervi?

I nervi inviano impulsi elettrici al cervello per attivare specifiche funzioni cerebrali. Ecco un'immagine animata che mostra come il segnale elettrico viaggia lungo l'assone di una cellula nervosa.




I canali ionici del sodio e del potassio si aprono e si chiudono in risposta a un segnale proveniente da un altro neurone (o un recettore). Questi canali ionici consentono agli ioni positivi o negativi di entrare o uscire dalla membrana, modificando così il potenziale elettrico. L'accumulo di carica viaggia quindi lungo la lunghezza dell'assone fino al terminale dell'assone. Il terminale dell'assone può far scattare il neurone successivo, trasmettendo il messaggio.


Il terminale dell'assone si trova alla fine dell'assone, dove il segnale viene trasmesso al neurone successivo. Nella NPF, questo può essere danneggiato o alterato. Nella neuropatia delle piccole fibre, la biopsia mostra terminazioni nervose ridotte nella pelle, probabilmente a causa del danno. Il danno ai nervi provoca dolore quando non dovrebbe esserci (allodinia meccanica) e riduce le terminazioni nervose delle piccole fibre nella pelle.


La ricerca genetica indica un paio di meccanismi:

Le mutazioni genetiche nei canali del sodio voltaggio-dipendenti sono una causa nota di neuropatia delle piccole fibre. In particolare, le mutazioni nei geni che codificano per parte dei canali del sodio NaV1.7 e NaV1.8 sono state identificate come causa di NPF. Questo tipo di canale del sodio si trova nelle piccole cellule delle fibre nervose che trasmettono segnali di dolore al cervello (nocicettori). Queste mutazioni possono far sì che il canale del sodio non si chiuda completamente quando il canale è spento, oppure possono causare l'apertura dei canali del sodio più facilmente del solito. In entrambi i casi, i risultati dell'attivazione dei nervi sono aumentati.


Un'altra causa di NPF mostrata dalla ricerca genetica circonda il canale TRPV1.

TRPV1 è il potenziale recettore transitorio del recettore vanilloide sottotipo 1, attivato dal calore e dalla capsaicina (peperoncino piccante). Nei neuroni, l'attivazione dei segnali TRPV1 per il dolore, come quando si mangia un jalapeno. Una mancanza di recettori TRPV1 provoca "analgesia termica" o mancanza di dolore dal toccare (o mangiare) cose calde. Anche se questo suona bene, paradossalmente, una mancanza di recettori TRPV1 è associata a NPF.


La ricerca mostra che il TNF-alfa, una citochina infiammatoria, è coinvolto nel dolore neuropatico attraverso l'attivazione dei canali TRPV1 insieme al recettore del TNF-alfa.


La neuropatia delle piccole fibre può far parte di un altro disturbo

Al di là della genetica, la neuropatia delle piccole fibre può essere causata da malattie autoimmuni. Gli autoanticorpi contro le proteine ​​neuronali, come l'eparina disaccaride trisolfatata e il fattore di crescita dei fibroblasti, si trovano in circa il 20% dei pazienti con NPF.


I disturbi associati alla NPF includono:

  • Malattie ereditarie come la malattia di Fabry, la malattia di Wilson, l'amiloidosi familiare e le mutazioni dei canali del sodio.

  • Malattie metaboliche come diabete o insulino-resistenza.

  • Carenza di micronutrienti come la vitamina B12 o il rame.

  • Malattie infettive come Lyme, HIV, epatite C

  • Tossine come alcol, chemioterapia o farmaci neurotossici

  • Vaccini

  • Malattie autoimmuni tra cui lupus, sarcoidosi, artrite reumatoide, polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica, lupus, amiloidosi sistemica primaria, fibromialgia, celiachia, gammopatia monoclonale e sindromi di Ehlers-Danlos

Circa il 50% dei pazienti con neuropatia delle piccole fibre sono idiopatici, il che significa che nessuna causa nota.Per alcuni (la maggior parte?) di questi pazienti, potrebbe esserci una causa genetica.


Fibromialgia: tra il 40 e il 60% delle persone con diagnosi di fibromialgia soddisfa i criteri di biopsia per la neuropatia delle piccole fibre, secondo uno studio.


Sindrome da attivazione dei mastociti (MCAS) o alfa triptasemia ereditaria (HαT): in uno studio che ha coinvolto pazienti con MCAS o HαT, è stato riscontrato che circa l'80% di ciascun gruppo di pazienti aveva piccole fibre nervose ridotte coerenti con NPF


Lyme cronica: uno studio su persone con sintomi di dolore diffusi dopo la malattia di Lyme ha mostrato che la neuropatia delle piccole fibre era presente in tutti i pazienti. Tutti i pazienti hanno risposto alla terapia con immunoglobuline IV.


Celiachia: la neuropatia delle piccole fibre è stata riscontrata in pazienti celiaci che presentavano anche intorpidimento e formicolio alla periferia.[ref]


Sindromi di Ehlers-Danlos: la neuropatia delle piccole fibre è comune anche nelle persone con diagnosi di sindrome da ipermobilità articolare o EDS ipermobile.


NPF e COVID-19:

Diversi virus, tra cui HIV, epatite C e ora SARS-CoV-2 sono associati a un aumentato rischio di neuropatia delle piccole fibre.

Gli studi sulla NPF nel Covid mostrano:

Uno studio che ha coinvolto 23 pazienti guariti dal Covid ha mostrato che il 91% presentava alterazioni della cornea compatibili con la neuropatia delle piccole fibre. I nervi nella cornea esprimono i recettori ACE2 e altri recettori che il virus SARS-CoV-2 può utilizzare per l'ingresso. L'alterazione dei nervi corneali può causare sensibilità, dolore e secchezza oculare.

La Mayo Clinic ha pubblicato uno studio nell'aprile del 2021 che mostra che la disfunzione autonomica potrebbe seguire le infezioni da Covid. Tra gli altri risultati, lo studio ha mostrato che il COVID-19 ha esacerbato la neuropatia delle piccole fibre nelle persone che già l'avevano.

Il monte Sinai ha anche pubblicato uno studio che mostra la neuropatia delle piccole fibre che si sviluppa nei pazienti dopo COVID-19.

Un altro studio di Mass General ha mostrato una neuropatia delle piccole fibre di nuova insorgenza in pazienti con long Covid,

Un caso di studio di settembre 2020 ha spiegato un paziente che aveva precedentemente affrontato la malattia di Lyme. Dopo il COVID, il paziente ha sviluppato intolleranza ortostatica e neuropatia delle piccole fibre, che hanno risposto alla terapia con immunoglobulina per via endovenosa.


Neuropatia delle piccole fibre dopo i vaccini:

Un raro effetto collaterale di diversi vaccini include la neuropatia delle piccole fibre.

Gli attuali vaccini COVID-19 non fanno eccezione:

Uno studio osservazionale su 23 persone con sintomi neuropatici dopo un vaccino Covid ha rilevato che più del 50% di loro soddisfaceva i criteri per la NPF di nuova insorgenza (biopsia, sintomi).

Un caso di studio pubblicato nell'aprile 2021 delinea la reazione di una donna di 57 anni che ha sviluppato la neuropatia delle piccole fibre una settimana dopo il vaccino Pfizer mRNA. Il test degli anticorpi ha escluso una precedente infezione da covid e non assumeva farmaci né alcolista. I suoi sintomi includevano bruciore e formicolio alle estremità, perdita della puntura di spillo e sensazioni di freddo ai piedi. La biopsia ha confermato la neuropatia delle piccole fibre.

Un'indagine pubblicata nell'aprile 2021 che ha esaminato le riacutizzazioni di malattie immuno-mediate dopo che i vaccini COVID-19 hanno mostrato che le riacutizzazioni hanno colpito il 78% dei pazienti con malattie autoimmuni. Questa indagine includeva malattie autoimmuni che causano neuropatia delle piccole fibre.


Varianti genetiche associate alla neuropatia delle piccole fibre:


Nota: i file di dati 23andMe e AncestryDNA non coprono tutte le rare mutazioni nei geni correlati alla neuropatia ereditaria delle piccole fibre. Quindi non puoi escludere nulla con le varianti seguenti.


Gene SCN9A: la subunità alfa 9 del canale regolata dalla tensione del sodio (SCN9A) è una parte del canale NaV1.7 che viene attivato per trasmettere segnali nei neuroni delle piccole fibre. Le mutazioni del guadagno di funzione causano un aumento del dolore, incluso il disturbo parossistico del dolore estremo. È vero il contrario per le rare mutazioni con perdita di funzione, che riducono la sensibilità al dolore.


Alcune rare mutazioni in SCN9A causano eritermalgia (chiamata anche eritromelalgia) primaria, nota anche come sindrome di Man on Fire. Questa malattia genetica inizia durante l'infanzia e provoca vasodilatazione e dolore alle estremità dovuto all'esercizio, alla posizione eretta o al calore.


Il gene SCN10A codifica per il canale del sodio Nav1.8, coinvolto nella sensazione di dolore nella pelle e in altre terminazioni nervose. Rare mutazioni con guadagno di funzione causano dolore e neuropatia periferica.

Gene SCN11A: codifica per il canale ionico sodio-dipendente NaV1.9 coinvolto nella percezione del dolore


Gene TRPV1: codifica per un canale ionico sensibile alla temperatura e alla capsaicina.


Trucchi:

Ho letto su alcuni siti web sanitari che la neuropatia delle piccole fibre è una malattia progressiva e permanente.

Non credo sia vero, almeno non per tutti.

Le piccole fibre nervose hanno la più alta capacità rigenerativa di qualsiasi nervo. Pertanto, voglio incoraggiarti a continuare a cercare soluzioni e non prendere "è un problema permanente" come risposta finale.


Dieta: se la tua neuropatia delle piccole fibre è correlata alla salute metabolica (diabete, pre-diabete), concentrarsi sulla dieta è un punto di partenza ovvio.


Se non conosci i tuoi normali livelli di glucosio nel sangue a digiuno, puoi ottenere un glucometro nella maggior parte delle farmacie o anche nei grandi negozi di alimentari. Sono relativamente poco costosi e ti daranno una linea di base per sapere se dovresti concentrarti sui livelli di glucosio nel sangue per NPF.

Se la tua glicemia a digiuno è alta, parla con il tuo medico della tua opzione.

Gli interventi dietetici possono includere l'eliminazione dello zucchero e degli alimenti trasformati. Informati riguardo i benefici delle diete a basso contenuto di carboidrati per il diabete.

Se pensi che la tua neuropatia delle piccole fibre sia dovuta a una malattia autoimmune, esamina la dieta Autoimmune Paleo (AIP). Essenzialmente elimina gli alimenti trasformati e gli allergeni comuni. La dieta si concentra su cibi integrali ricchi di nutrienti.


Test per confermare: parla con il tuo medico o neurologo per fare il test per la neuropatia delle piccole fibre. È disponibile il test tramite biopsia cutanea e il medico può ordinare i kit di test e farlo direttamente in clinica (In Italia questo non è possibile. Per effettuare biopsia bisogna recarsi in un ospedale ,da neurologo specializzato)


Immunoglobuline IV: uno studio del 2018 ha dimostrato che la terapia IVIg ha aiutato circa tre quarti dei pazienti con neuropatia delle piccole fibre associata a una malattia autoimmune. Parla con il tuo medico se la terapia con immunoglobuline IV sarebbe una buona opzione per la tua situazione. La terapia con IVIg non è priva di possibili effetti collaterali ed è costosa. Assicurati di indagare a fondo e di avere una conversazione istruita con il tuo medico su come mitigare gli effetti collaterali.


Farmaci da prescrizione: il medico potrebbe anche avere raccomandazioni per i farmaci da prescrizione. In un piccolo studio clinico, sia il gabapentin che il tramadolo erano più efficaci del Benadryl per il dolore NPF. Entrambi hanno aiutato circa 1 partecipante allo studio su 4 con il dolore. Fai qualche ricerca sui significativi effetti collaterali di entrambi i farmaci prima di parlarne con il tuo medico in modo da poter prendere una decisione informata.


SCN9A guadagno di mutazioni funzionali: Lacosamide, un farmaco da prescrizione per le convulsioni, è oggetto di studio per le persone con SFN da mutazioni SCN9A. Parla con il tuo neurologo dei pro e contro della lacosamide se hai una mutazione rara SCN9A confermata.


Evitare l'alcol con SCN11A: le mutazioni in SCN11A che causano neuropatia delle piccole fibre e dolore episodico sono aggravate dall'alcol.

Evitare l'alcol potrebbe non aiutare tutti con NPF, ma vale la pena sperimentare per vedere se l'alcol aggrava i tuoi problemi nervosi.


Fonte originale: https://www.geneticlifehacks.com/small-fiber-neuropathy-genetics-causes-and-possible-solutions/

528 visualizzazioni0 commenti