• Nicole

Neuropatia delle piccole fibre e acufene post vaccino COVID-19 trattati con scambio di plasma

Pubblicazione studio -Agosto 2022


La neuropatia delle piccole fibre (SFN in inglese, NPF in italiano) è una complicanza nota delle vaccinazioni, inclusi i vaccini mRNA COVID-19.


Un uomo di 52 anni ha ricevuto il vaccino BNT162b2 mRNA per la malattia da coronavirus 2019 (COVID-19).

Dopo due dosi, ha sperimentato parestesie e dolore bruciante e lancinante alle braccia, al viso e agli occhi, accompagnato da acufene acuto dell'orecchio destro. Successivamente ha sviluppato intolleranza ortostatica e non è stato in grado di stare in piedi e camminare senza sincope.


Questi sintomi sono progrediti per cinque mesi e il monitoraggio cardiaco ha rivelato una significativa tachicardia posturale con frequenza cardiaca variabile da 50 battiti al minuto (bpm) in posizione supina a 180 bpm in piedi con episodi di tachicardia sopraventricolare.


L'esame neurologico era normale tranne una diminuzione della sensibilità alla temperatura nei piedi. I seguenti esami di laboratorio erano normali o negativi:

  • profilo metabolico completo,

  • emocromo completo,

  • livelli di vitamina B12 e B6,

  • ormone stimolante la tiroide,

  • omocisteina,

  • acido metilmalonico,

  • elettroforesi delle proteine ​​sieriche con immunofissazione,

  • profilo anticorpale paraneoplastico,

  • anticorpo antinucleare,

  • DNA a doppio filamento,

  • Anticorpo di Lyme,

  • proteina C-reattiva e

  • velocità di eritrosedimentazione.


  • L'emoglobina A1c era leggermente elevata al 5,7%.


L'elettromiografia e gli studi sulla conduzione nervosa erano normali negli arti superiori e inferiori.

La biopsia cutanea ha rivelato una diminuzione della densità delle fibre nervose epidermiche di 2,2/mm2 (normale 13,8) alla gamba distale e 7,5/mm2 alla coscia (normale 21,1).

La risonanza magnetica del cervello e dei canali uditivi interni era insignificante.

Il test anticorpale esteso (CellTrend Laboratories, Luckenwalde, Germania) ha rivelato titoli elevati di anticorpi contro più recettori adrenergici insieme a recettori colinergici muscarinici e ACE-2 .

È stato trattato con nadololo 40 mg al giorno con miglioramento della tachicardia.

Il gabapentin 600 mg tre volte al giorno per un mese, l'amitriptilina 50 mg al giorno per due mesi e il trazodone 50 mg due volte al giorno per due mesi non hanno determinato alcun miglioramento del dolore.

È stato quindi trattato con immunoglobuline per via endovenosa 2 g/kg una volta, ma ha sviluppato anemia emolitica con il secondo trattamento.

È stato iniziato con immunoglobuline sottocutanee 200 mg/kg a settimana per tre dosi con miglioramento del dolore neuropatico ma peggioramento significativo dell'acufene.

Un ciclo di prednisone a 0,5 mg/kg al giorno per un mese non ha avuto effetto.

Ha subito 5 plasmaferesi (PLEX) in dieci giorni senza effetti collaterali.

Il suo dolore neuropatico iniziò a migliorare dopo il secondo scambio e si risolse dopo cinque scambi.

Inoltre, dopo il quarto scambio, la sua frequenza cardiaca e la sua pressione sanguigna rimangono stabili in piedi, permettendogli di deambulare normalmente.

Il suo acufene persisteva ma migliorò.

I successivi test anticorpali hanno mostrato una riduzione di tutti i titoli .


Abbiamo identificato un caso di neuropatia autonomica e delle piccole fibre con acufene dopo la vaccinazione COVID-19 che ha risposto a PLEX.

Ci sono più segnalazioni di NPF dopo varie vaccinazioni, tra cui il papillomavirus umano, il virus della varicella zoster, Lyme e rabbia2 e COVID-19.

La neuropatia post-vaccino è probabilmente immuno-mediata dall'ipersensibilità al solvente del vaccino o ai componenti attivi del vaccino stesso.

Nel nostro paziente, la presenza dell'anticorpo ACE2 suggerisce una reazione immunitaria al vaccino stesso poiché l'mRNA del vaccino codifica la proteina spike che si lega ai recettori ACE2.

Gli anticorpi ACE2 sono stati descritti in seguito all'infezione da SARS-CoV-2.

Una caratteristica distintiva del nostro caso era la disautonomia e la sindrome da tachicardia posturale ortostatica (POTS).

POTS è stato descritta in seguito sia all'infezione da SARS-CoV-2 che alla vaccinazione COVID-19.

Un sottogruppo di pazienti con POTS ha anticorpi contro i recettori colinergici beta-adrenergici e muscarinici5; la presenza di questi anticorpi nel nostro paziente e la risposta al PLEX suggerisce che la sua POTS fosse una risposta immuno-mediata alla vaccinazione COVID-19, sebbene i titoli anticorpali possano anche aver rappresentato una risposta monofasica alla vaccinazione.

L'acufene del paziente ha risposto parzialmente al PLEX.

È interessante notare che i suoi anticorpi anti-ACE2 e anti-MAS (nella via ACE) erano gli unici anticorpi a rimanere elevati quando testati dopo lo scambio plasmatico, sebbene i titoli di entrambi fossero diminuiti.

Studi recenti che esaminano l'acufene dopo l'infezione da SARS-CoV-2 mostrano che l'orecchio interno umano esprime i recettori ACE2 e che il virus infetta direttamente i peli dell'orecchio interno e le cellule di Schwann attraverso l'ingresso attraverso questo recettore.

Ciò suggerisce che gli anticorpi anti-ACE2 indotti mediante vaccinazione potrebbe aver reagito in modo incrociato con i recettori cocleari ACE2 e contribuito all'acufene.

Ad oggi, PLEX è stato utilizzato con successo per il trattamento della porpora trombotica trombocitopenia dopo la vaccinazione COVID-19 a base di adenovirus ma non per il trattamento della neuropatia.

Il nostro caso indica la necessità di ulteriori indagini sulla risposta immunitaria alla vaccinazione COVID-19 e sui possibili trattamenti immunomodulatori di eventi neurologici avversi.


Fonte: https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1002/mus.27696?fbclid=IwAR0nmg1Pp5M6gbKCtGPN8-J5XbEye6dfP1GQEDPhuv8VSZjqZxZ6wKALOgc

555 visualizzazioni0 commenti