• Nicole

I deficit di Propriocezione

Articolo originale di SED'in France


Quando iniziamo a interessarci alle sindromi di Ehlers-Danlos e ai disturbi dello spettro di ipermobilità (HSD), il termine "propriocezione" compare molto regolarmente nelle nostre letture.

La prima cosa che ricordiamo di questa famosa propriocezione è che è il senso che ti permette di conoscere la posizione del tuo corpo nello spazio. Comprendiamo quindi che quando la propriocezione è carente, l'urto di ostacoli è frequente: telai di porte, angoli di mobili, armadi aperti... gli shock sono regolari nel SED/HSD.

Ma la propriocezione non è solo questo, anzi.

Inoltre, la propriocezione non è l'unica ad essere alterata nel corpo di una persona EDS: l'intero sistema somatosensoriale, un concetto molto più ampio, ne risente.


Cercheremo di spiegarvi in modo schematico e volutamente semplificato, cosa copre il sistema somatosensoriale e come la comprensione della sua alterazione può rendere possibile la gestione della vostra EDS/HSD.


Il sistema somatosensoriale

Il sistema somatosensoriale raccoglie tutte le informazioni sensoriali dal corpo.

Queste informazioni sensoriali provengono da più sensori:


– Sensori cutanei, chiamati esterocettori,


– Sensori propriocettivi, detti propriocettori: ci parlano della nostra postura (posizione nello spazio) delle nostre sensazioni muscolari e scheletriche (posizione dei nostri arti rispetto al nostro corpo)


- Sensori interni detti interocettori: forniscono informazioni sulla sensibilità viscerale, su tutto ciò che sta accadendo all'interno.


Dove sono questi sensori? Ovunque !


– Esterocettori: nella pelle, nel derma, nell'epidermide, intorno alla radice del pelo, nei tessuti connettivi sottocutanei o negli organi vicini


– Propriocettori: nei tendini, nei legamenti, nei muscoli, nell'orecchio interno, ma anche nella pelle


– Intercettori: nei polmoni, nel cuore, nel tubo digerente, nelle ghiandole endocrine, ecc.


Questi sensori forniscono informazioni sensoriali, ma quali?

I recettori sensoriali consentono al corpo di raccogliere informazioni in tutte le sue forme e di reagire agli stimoli, sia esterni che interni. I recettori sensoriali si attivano non appena viene percepito uno stimolo: l'informazione viene quindi trasmessa.


I sensori hanno un nome diverso a seconda del tipo di stimolo a cui reagiscono. Ad esempio, i meccanocettori indicano informazioni tattili, tattili, vibrazioni, pressione, cambiamenti meccanici. I termocettori indicano i cambiamenti di temperatura, i barocettori indicano la pressione sanguigna. Esistono molti altri sensori: osmocettori (odori), nocicettori, recettori vestibolari, ecc.



Propriocezione

La propriocezione si riferisce a tutti i recettori, vie e centri nervosi coinvolti nella percezione, conscia o meno, della posizione relativa di parti del corpo.

Ciò implica:


– una propriocezione inconscia, di rapidissimo adattamento, in fenomeni statici o dinamici quali:


  • controllo della contrazione muscolare

  • aggiustamenti posturali e in piedi.

  • Gli aggiustamenti posturali dipendono in gran parte dai fusi muscolari.

  • La posizione eretta utilizza input visivi, vestibolari, propriocettivi e tattili (recettori sensibili alla pressione e alla temperatura sulla pianta dei piedi).


– una propriocezione cosciente che sta alla base del nostro “schema corporeo”:


  • posizioni e movimenti articolari,

  • sensazioni muscolari e tendinee,

  • percezione dell'orientamento del corpo, degli arti e della testa,

  • bilancia.


La propriocezione, infatti, corrisponde alla sensibilità alla posizione, al movimento e alla forza.


  1. l – La sensibilità posizionale ci informa degli angoli formati da ciascuna delle nostre articolazioni, e quindi della posizione relativa dei nostri arti tra loro e rispetto al corpo.

  2. 2 – La sensibilità al movimento corrisponde a una sensazione di velocità, direzione e ampiezza. Le soglie di sensibilità per questi tre parametri sono inferiori nelle articolazioni prossimali (spalla) rispetto a quelle distali (mano).

  3. 3 – La sensibilità alla forza si sovrappone alla sensibilità alla pressione (stiramento della pelle e pressione esercitata da un oggetto da indossare). È quindi difficile distinguere le informazioni provenienti dai propriocettori da quelle provenienti dai meccanocettori cutanei.


In sostanza cosa significa?

La propriocezione è un senso essenziale per mantenere le nostre posture, per muoverci, per coordinare i nostri movimenti.

La propriocezione ci permette di controllare i nostri arti senza guardarli direttamente. Ci permette di regolare la pressione dei nostri arti sugli oggetti che teniamo in mano, di regolare la forza muscolare necessaria nei nostri gesti.

Cosa succede quando il sistema propriocettivo non funziona?

Se queste sensibilità sono distorte o malfunzionanti, inviando informazioni errate, molte risposte corporee saranno disadattate. Le sensazioni corporee interne o esterne falliscono o sono distorte e fuorvianti.


  • – Le sublussazioni articolari sono sicuramente dovute ad iperlassità, ma anche ad una scarsa sensibilità alla posizione o alla mancata percezione delle forze muscolari necessarie al movimento intrapreso;

  • – L'inaspettato rilascio di oggetti sarebbe dovuto alla mancata percezione della pressione necessaria;

  • – Goffaggine: appoggiare il bicchiere sul bordo del tavolo, versare l'acqua dalla caraffa accanto al bicchiere, portare la forchetta alla bocca e mancarla;

  • – Mordersi costantemente la guancia;

  • – Impigliarsi negli stipiti delle porte, danneggiare le maniche dei propri vestiti incastrandoli sistematicamente nei chiavistelli delle porte;

  • – Le appropriazioni indebite. Quante volte ci siamo detti: “le mie gambe hanno ceduto, la mia caviglia ha ceduto”…?

  • – Le cadute sono frequenti, aumentano al buio.

  • – Alcuni pazienti riferiscono che a volte hanno difficoltà a percepire semplicemente i propri arti. Improvvisamente non sentono più il loro corpo o qualsiasi parte del loro corpo nello spazio.

  • – La perdita delle sensazioni a volte è tale che ci troviamo di fronte a immagini di pseudo paralisi di uno o più arti (con immagini normali).


Colpisce anche la memoria di tutti questi movimenti.


Nota Bene: non stiamo, per il momento, entrando nel dettaglio dei sintomi legati a questa dispropriocezione. Rimaniamo volontariamente fissi su una presentazione di ciò che già percepite.



Gestione del deficit propriocettivo

La gestione del deficit propriocettivo può passare attraverso molteplici modalità.

  • Indossare indumenti compressivi

La compressione di tessuti troppo elastici, troppo "morbidi" con indumenti compressivi consente ai sensori propriocettivi e somatosensoriali di reagire in modo più appropriato.

L'abbigliamento ha un effetto analgesico indiretto migliorando la propriocezione, ma anche un effetto analgesico diretto provocando sensazioni tattili che inibiscono gli impulsi dolorosi tramite il "controllo del cancello" come il calore e il massaggio.

Da qui l'importanza di indossare i bendaggi compressivi durante le sessioni di fisioterapia: il tuo corpo ha bisogno di questo supporto per inviare le giuste informazioni e riabituare così il cervello a ricevere informazioni corrette e a reagire in modo appropriato.

Lo studio di Dupuy et al. (2017) concludono che l'uso prolungato a lungo termine di indumenti compressivi e ortesi del piede stimola e preserva i recettori somatosensoriali. Questo così sviluppa e consolida la rete neurale e ancora una strategia senso-motoria più equilibrata, facilitando così il controllo posturale, che a sua volta tende a diventare più stabile.

È quindi indispensabile quando gli indumenti sono sostenuti (i pazienti con sindrome da attivazione mastocitaria spesso riferiscono intolleranze a contatto con il tessuto).

  • Fisioterapia

La riabilitazione senso-motoria comporta una percezione consapevole del proprio corpo e dei suoi movimenti.

Le tecniche passive possono aiutare a rimobilitare i sensori e alleviare le tensioni muscolari che ostacolano il movimento: massaggi, pressoterapia, tecarterapia, fisioterapia, endermoterapia… Da adottare anche l'automassaggio.

Tecniche attive come riqualificazione adattata allo sforzo, riabilitazione su Huber o Imoove, tecnica Mezières, Maitland...

Si prega di notare che la fisioterapia non dovrebbe mai causare convulsioni. Gli esercizi devono essere eseguiti indossando indumenti compressivi, solette ed eventualmente plantari per favorire il movimento in sicurezza e confidenza, al meglio con propriocezione.

  • solette ortopediche

Queste ortesi plantari consentono la stimolazione dei sensori del piede. La pianta del piede è estremamente ricca di meccanocettori articolari, muscolari e soprattutto cutanei.

Questi sensori di pressione altamente sensibili si trovano sotto la pianta dei piedi. Hanno il compito di analizzare le variazioni di pressione esercitate dal corpo sulle diverse parti dei piedi e quindi di analizzare la posizione del corpo (corpo inclinato in avanti, per esempio).

Le ortesi plantari modificheranno la percezione del suolo aiutando così a riequilibrare il lavoro dei muscoli coinvolti nella regolazione della postura. Aiuteranno infatti a ridurre le contratture muscolari nella parte inferiore del corpo.

  • Dovrebbero essere esplorate altre modalità di trattamento

– Riabilitazione ortottica

– Cura della psicomotricità

– Correzione delle disfunzioni dei sensori orali: riabilitazione della deglutizione atipica, correzione dell'occlusione dentale se necessario

– La gestione complessiva della Sindrome da Dispropriocezione secondo il protocollo del Dr Quercia.

Molte sono le strade da esplorare e anche se nessuna eliminerà i disturbi propriocettivi, ogni trattamento può aiutare a migliorare la propriocezione e quindi ridurre la tensione muscolare, ridurre le cadute, migliorare l'equilibrio e ridurre l'affaticamento generale.

127 visualizzazioni3 commenti

Post recenti

Mostra tutti