• Nicole

Valutazione clinica dell'ipermobilità articolare generalizzata- Per i non esperti

METODI DI VALUTAZIONE CLINICA PER LA CLASSIFICAZIONE DELL'IPERMOBILITÀ ARTICOLARE GENERALIZZATA (PER NON ESPERTI)


di: Birgit Juul-Kristensen, Karoline Schmedling, Lies Rombuat, Hans Lund e Raoul HH Engelbert, adattato da Benjamin Guscott


Non si conoscono i metodi di valutazione clinica più adatti per classificare l'ipermobilità articolare generalizzata (GJH), qui li esaminiamo sistematicamente. Sono stati esaminati quattro metodi di valutazione del test (Beighton Score [BS], Carter e Wilkinson, Hospital del Mar, Rotes-Querol) e due metodi di valutazione del questionario (questionario in cinque parti [5PQ], Beighton Score-self segnalato [BS-self]). Gli studi sono stati classificati "discreti" o "scarsi". La raccomandazione per l'uso clinico negli adulti è la BS con un punto di cut-off di 5 su 9 comprese le informazioni storiche, mentre nei bambini è la BS con un punto di cut-off di almeno 6 su 9. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi prima dell'evidenza- possono essere formulate raccomandazioni basate.


Introduzione

L'ipermobilità articolare generalizzata (GJH) è relativamente comune e si verifica in circa il 2-57% delle diverse popolazioni. Motivi importanti per questo possono essere l'uso di molti diversi metodi di valutazione clinica e criteri per la classificazione. GJH è caratterizzato da articolazioni mobili oltre il normale range di movimento in più articolazioni. Molte persone con GJH non hanno sintomi, il che rende anche difficile stimare con precisione il numero di persone con questa condizione. Quando GJH è accompagnato da sintomi, è definito come un disturbo correlato alla salute, ad esempio, sindrome da ipermobilità articolare (JHS) o sindrome di Ehlers-Danlos - tipo ipermobile (hEDS). Le due condizioni (JHS e hEDS) hanno una sovrapposizione molto stretta al punto da essere indistinguibili; qui è indicato come JHS/hEDS. La condizione di JHS/hEDS può essere definita come un disturbo del tessuto connettivo, caratterizzata generalmente da GJH, complicanze di instabilità articolare, dolore, segni caratteristici della pelle e ridotta qualità della vita. Fino ad ora, JHS è stato diagnosticato dai test e dai criteri di Brighton e hEDS dai criteri di Villefranche, entrambi inclusi il sistema di punteggio Beighton (BS) di nove test per la valutazione di GJH. In particolare, nei metodi di valutazione clinica vengono valutate due proprietà di misurazione: Validità e affidabilità. La validità si riferisce al fatto che il risultato possa essere confermato come corretto, mentre l'affidabilità si riferisce alla possibilità di ripetere un risultato con lo stesso risultato o con un risultato simile. La BS consiste in un test della parte bassa della schiena e degli arti inferiori e quattro test bilaterali altrove (opposizione del primo dito, estensione del quinto dito, estensione del gomito, estensione del ginocchio e piegamento in avanti della schiena), con punteggi che vanno da 0 a 9. Fattori che influenzano Le BS sono età, sesso, etnia e forma fisica. Per gli adulti, un punto di cut-off di 4/9 per GJH è stato incluso nei criteri di Brighton per JHS, mentre 5/9 per GJH è il criterio per hEDS nei criteri di Villefranche. Per i bambini, non c'era consenso su un punto limite specifico per GJH, ma sono stati suggeriti 5/9, 6/9 e 7/9. L'affidabilità di Beighton o test simili è nota per essere buona, ma mancano prove per la validità di questo metodo. Il questionario in cinque parti (5PQ), finora utilizzato solo per gli adulti, consiste in cinque domande, tra cui informazioni reali e storiche sull'ipermobilità articolare generalizzata (flessione in avanti della schiena, opposizione del primo dito, capacità di divertire gli amici con strane forme del corpo , lussazione spalla/ginocchio, percezione di doppia articolazione). Il 5PQ è generalmente considerato affidabile, ma trarrebbe vantaggio da ulteriori indagini su diversi tipi di validità. Sono necessari chiari metodi di valutazione clinica diagnostica per GJH con e senza sintomi, sia per diagnosticare JHS/hEDS sia per misurare gli effetti del trattamento di JHS/hEDS, nei bambini e negli adulti. In sintesi, non si sa quali metodi di valutazione clinica siano adatti per classificare GJH. Pertanto, lo scopo di questo studio era eseguire una revisione sistematica che identificasse i metodi di valutazione clinica per classificare GJH, valutarne l'affidabilità e la validità secondo la procedura COSMIN raccomandata e, infine, riassumere le migliori prove.


Risultati e discussione

In letteratura sono stati identificati quattro metodi di valutazione del test (BS, CW, HdM, RQ) e due metodi di valutazione del questionario (5PQ, BS-self) per classificare GJH, nei bambini e negli adulti. La maggior parte degli studi riguardava la BS e solo BS e 5PQ riportavano aspetti di validità. La maggior parte degli studi di affidabilità ha mostrato alcune prove positive per la BS e, quindi, può sembrare accettabile per l'uso nella pratica clinica, a condizione che i test vengano eseguiti allo stesso modo ovunque. Ci sono carenze negli studi per la validità della BS, mentre gli altri tre metodi di valutazione dei test (CW, HdM, RQ) mancano di informazioni sufficienti sia sull'affidabilità che sulla validità da raccomandare. Per i metodi di valutazione del questionario, la maggior parte degli studi è stata riportata su 5PQ, che si dimostra un metodo di valutazione promettente per futuri studi sulla popolazione. Anche il questionario aggiuntivo, BS-self, può sembrare promettente, poiché contiene illustrazioni delle procedure di test per ciascuno dei test BS. Tuttavia, i metodi di valutazione del questionario richiedono una maggiore valutazione prima di poter essere utilizzati clinicamente, poiché pochissimi studi hanno riportato proprietà di misurazione sulla loro affidabilità e validità. Poiché JHS e hEDS nella revisione attuale sono riconosciuti come la stessa condizione, è necessario decidere un punto limite specifico e 5/9 può essere suggerito per un uso futuro negli adulti. Tuttavia, poiché è noto che la mobilità articolare, e quindi la BS, diminuisce con l'età, è necessario che anche gli adulti includano ulteriori informazioni storiche. Poiché i bambini hanno periodi di crescita individuali, questo potrebbe essere il motivo per utilizzare due punti di interruzione (uno inferiore e uno superiore) che tengono conto dell'età e del sesso. Si suggerisce che il punto di cut-off superiore sia almeno 6/9 come utilizzato negli studi precedenti. Il riscaldamento prima di eseguire i test di flessibilità può influenzare l'esito di un metodo di valutazione del test. Tuttavia, quasi nessuno studio ha riportato se i partecipanti si sono riscaldati e l'influenza di tale prestazione è quindi sconosciuta. Questa recensione evidenzia una serie di aree che necessitano di ricerche future. A causa degli studi limitati sui metodi di valutazione clinica per la classificazione di GJH, sono necessari più studi di alta qualità, in particolare quelli che valutano diversi aspetti di validità. Possono essere presi in considerazione ulteriori metodi di valutazione dei test diversi da quelli attualmente descritti per supportare la presenza di GJH nella procedura diagnostica dei disturbi ereditari del tessuto connettivo. È anche importante che sia garantito il consenso riguardo alla selezione di test specifici e metodi di valutazione del questionario per classificare GJH, le prestazioni del test e i punti limite in base ai quali l'età, il sesso e l'etnia possono essere presi in considerazione. I limiti di questa revisione sono il piccolo numero di studi, per cui si è deciso di valutare solo l'affidabilità e pochi tipi dell'aspetto della validità. Inoltre, poiché la dimensione del campione negli studi clinici è spesso molto più piccola rispetto agli studi sui questionari, si raccomanda che dimensioni minori del campione che utilizzano metodi di valutazione dei test non siano valutate in modo così rigoroso come quando si utilizzano metodi di valutazione del questionario. Nonostante queste limitazioni, questa revisione trae vantaggio dall'essere sistematica e dall'applicazione delle strategie di valutazione raccomandate per questo tipo di revisione.


Conclusione

Nell'attuale revisione sistematica della letteratura, sono stati trovati quattro metodi di valutazione del test e due questionari per classificare GJH. La maggior parte degli studi ha utilizzato il Beighton Score. L'affidabilità di questo metodo sembra accettabile. Sono state riscontrate carenze negli studi sulla validità della BS, mentre gli altri tre metodi di valutazione dei test mancano di informazioni sia sull'affidabilità che sulla validità. Per quanto riguarda i metodi di valutazione del questionario, il 5PQ viene utilizzato più spesso, ma solo negli adulti. In conclusione, a condizione che le procedure di test siano coerenti, la raccomandazione per l'uso clinico negli adulti è BS con un punto di cut-off di 5 su 9, comprese le informazioni storiche. Nei bambini è BS con un cut-off di almeno 6 su 9. Sebbene il punteggio Beighton sia raccomandato per classificare GJH, sono necessari ulteriori studi.


Lo Staff ringrazia Roberta G. per la traduzione


Fonte originale: https://www.ehlers-danlos.com/2017-eds-classification-non-experts/clinical-assessment-methods-classifying-generalized-joint-hypermobility/

118 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti