• Nicole

Studio dimostra che la POTS può essere una malattia autoimmune

Aggiornamento: 3 apr

Studio dimostra che la sindrome da tachicardia ortostatica posturale può essere una malattia autoimmune


Traduzione a cura di Nicole M.


I sintomi della sindrome da tachicardia ortostatica posturale, o POTS, possono essere tanto vari quanto confondenti. Ci possono essere affaticamento, dolore, disturbi emorragici e ansia.


Sono comuni palpitazioni cardiache e vertigini. Alcuni pazienti hanno problemi gastrointestinali o nebbia cerebrale. Per i più gravemente colpiti, il semplice atto di alzarsi in piedi può farli crollare nell'incoscienza.


Anche se probabilmente molto più comune di quanto si pensasse, la POTS rimane una sorta di mistero. Molti medici non ne hanno mai sentito parlare. Non esiste un test di laboratorio per confermare una diagnosi e nessun trattamento per curare la condizione.


Tutto ciò potrebbe cambiare, in gran parte dovuto alla perseveranza dei ricercatori Dr. William Gunning e Dr. Blair Grubb dell'Università di Toledo.


Per molto tempo, le persone si sono chieste se questo disturbo fosse esistito davvero

Dr. Blair Grubb, cardiologo, The University of Toledo Medical Center e illustre professore universitario, UToledo College of Medicine and Life Sciences



Grubb, che ha curato pazienti con POTS e studiato la condizione per più di tre decenni, ora crede che lui e i suoi collaboratori siano sempre più vicini a dimostrare una teoria di lunga data secondo cui la POTS è una malattia autoimmune.


Lui e Gunning, un professore di patologia presso l'UToledo College of Medicine and Life Sciences la cui esperienza è nei disturbi piastrinici, stanno collaborando a una ricerca innovativa che esamina il plasma dei pazienti alla ricerca di autoanticorpi e marcatori infiammatori.


In uno studio retrospettivo su 34 pazienti con POTS, Gunning, Grubb e un team di scienziati di UToledo hanno documentato un aumento significativo di cinque marcatori infiammatori caratteristici di una condizione immunitaria innata.


"Questo è un enorme passo avanti", ha detto Grubb. "Non solo questo lavoro dà ulteriore credito all'esistenza della POTS, abbiamo un'idea di fisiopatologia e potenzialmente avremmo un test diagnostico molto semplice. Non lo abbiamo ancora, ma questi studi suggeriscono che ci stiamo avvicinando. "


I marcatori infiammatori identificati nella ricerca - una miscela di citochine e chemochine specifiche - sono simili a quelli osservati in pazienti con altri disturbi autoimmuni, tra cui psoriasi, sclerosi multipla e artrite reumatoide.


Il documento, pubblicato sulla rivista Clinical Medicine, si basa su anni di ricerca condotta da Gunning e Grubb. Nel 2019, il duo ha pubblicato quello che all'epoca era il più grande studio su pazienti POTS fino ad oggi, scoprendo che l'89% dei pazienti aveva livelli elevati di autoanticorpi contro il recettore alfa 1 adrenergico.


Nel loro insieme, le due pubblicazioni sono tra le prove più evidenti che la POTS sia una malattia autoimmune.


Grubb e Gunning hanno anche ipotizzato che la POTS può essere scatenata da un'infezione virale.


"Ci sono un certo numero di pazienti a cui è stato precedentemente diagnosticato il COVID-19 etichettati come "trasportatori a lungo raggio". Sviluppano sintomi simili alla POTS e molti sono stati persino diagnosticati con POTS post-COVID", ha detto Gunning. "Non sappiamo se la POTS sia cquisita o ereditata, ma le infezioni virali non possono essere liquidate come un evento iniziale nello sviluppo di POTS".


Sebbene non abbiano ancora testato la teoria, Grubb e Gunning hanno osservato recenti infezioni virali di Epstein-Barr nella storia medica di molti pazienti.


"Lo sviluppo di POTS post-COVID è un'ulteriore prova che un'infezione virale potrebbe avviare una cascata di sostanze chimiche prodotte dal sistema immunitario innato nello sviluppo di autoanticorpi", ha affermato Gunning.


Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per convalidare ulteriormente i risultati dello studio sui marcatori infiammatori ed espandere l'indagine a marcatori aggiuntivi, le implicazioni dello studio sono significative.


Attualmente i medici sono in grado di trattare solo i sintomi della POTS. Se la POTS è confermata come una malattia autoimmune, conoscere i marcatori infiammatori specifici coinvolti potrebbe aiutare a indirizzare i trattamenti per la condizione sottostante stessa.


Per Grubb, che ha dedicato gran parte della sua carriera alla cura dei pazienti con POTS ed è riconosciuto come uno dei massimi esperti mondiali di sincope e disturbi del sistema nervoso autonomo, queste nuove scoperte mostrano il valore della perseveranza.


"Il ritmo della ricerca POTS è accelerato in modo esponenziale. Parte di ciò è avere una nuova tecnologia che ci consente di fare questa ricerca, ma è anche una funzione della collaborazione che abbiamo in questa istituzione", ha affermato. "Siamo stati in prima linea nelle nuove innovazioni e nella ricerca nel campo dei POTS e stiamo facendo veri progressi".


Articolo originale: NEWS MEDICAL LIFE SCIENCES

Studio: https://www.mdpi.com/2077-0383/10/4/623

168 visualizzazioni0 commenti